Valigia Mia / pe 2013

Come il tatto può percorrere un oggetto senza l’uso della vista. Un percorso sensoriale spiegato da Marta Lo Bracco.

”Smetto di guardare, fingo che la vista sia un ostacolo e chiudo le palpebre.
Il senso tattile si affina e si abitua a vedere al posto degli occhi.
Tocco un tessuto morbido, lavorato, sembra cuoio.  La caviglia è stretta da un laccio.
Scorrendo sul passante sento che il tallone è fermamente saldo.
Le tolgo, così da averne una “visione” totale, completa.
Il tacco è ruvido, ma al contempo molleggiato, se premo il dito.
Ha la consistenza di un tappo di sughero, suppongo dunque che si tratti del suddetto materiale.
M’illudo che il gioco sia già terminato, ma le dita toccano uno scalino, sembrano delle applicazioni, e mi stupisco, felice di non aver trovato la banalità. La tentazione di aprire gli occhi è fortissima, ma voglio ancora capire se si tratta di una zeppa, se sì, di che genere.
La conferma arriva quando tocco tre borchie che vanno a fissare il cuoio; prima fredde,
poi calde dopo vari strusciamenti con le mie dita.

Poi il nulla. Le infilo nuovamente e le dita respirano, si possono muovere.
Sandali, sughero; cuoio morbido, privo di cuciture. Apro gli occhi e la luce illumina le ultime incognite: vedo una creatura di un giallo tendente al senape esternamente e rosa intenso sugli interni. I colori non cozzano tra loro, sono combinati con cura;

le applicazioni sul tacco sono delicati ghirigori, tagliati apposta grossolanamente, quasi a voler far respirare il sughero. Ormai che il gioco è finito, mi alzo e m’incammino, soddisfatta, ai miei piedi le scarpe della BlueRed One Collection di Marta Faggiani.

GIULIANO FUJIWARA spring/summer 2013 WOMEN’S COLLECTION

Entriamo nello showroom di Via Bigli e veniamo colpite da colori portati all’estrema saturazione:
stampe tropicali, il Blu, il Verde e il Fucsia regnano sovrani.
Queste tonalità ci parlano di posti lontani, di spiagge caraibiche e sabbia del sahara;
le stampe della profonda jungla.
E poi il nero, che spicca minimale a rappresentare lo stile del brand.


Rimango stupita nel vedere delle stampelle umane, invece delle classiche, noiose grucce per abiti.


Su due piedistalli ai lati del salone girano lente, annoiate e superbe, sei modelle.
Sono in bilico su dei prorompenti sandali bicolore delle medesime tonalità di cui sopra, metallizzate.

Le forme squadrate, semplici dei capi, così in piacevole contrasto con le stampe e i colori ricercati,
sono forgiate in tessuti satinati, leggeri ed impalpabili, come la donna che li indosserà:
m’ immagino una figura altera ed elegante, che prepara una valigia per un lungo viaggio.
Butta alla rinfusa abiti che volano dall’armadio alla valigia,
che si ripiegano perfettamente su loro stessi, in un leggero fruscìo di seta e chiffon.

Questo è Giuliano Fujiwara, Spring Summer 2013.

Marta

PAOLA FRANI Fashion Show

Piove a Milano, come sempre quando mi capita di dover fare qualcosa di importante. E quando ho la piega, i tacchi e la macchina fotografica.

Una volta entrata nel salone sono rimasta avviluppata in una costante litania: “arigatooo gozaimashita”,”onegaaai shimasu”.
Giapponesi OVUNQUE, s’inchinavano di continuo, per ringraziare degli accrediti ottenuti.
Supero lo shock, e mi avvio, incerta, verso una posizione che mi potesse permettere una buona visuale sia per la sfilata che per fare un po’ di foto agli avventori.

Lo Show è stato breve ma intenso, sulla passerella sfilavano particolari che facevano da filo conduttore all’intera collezione, ripresentandosi una volta sulla texture, un’altra sulla stampa o su un accessorio.

Make-up fresco ed hair look dove la treccia regna sovrana: due dettagli che disegnano il target Paola Frani come quello di una donna giovane e alla ricerca delle ultime tendenze, che non fa mai l’errore di cadere nella volgarità e nella banalità. Colori armonici alleggeriti ancor di più da stampe sbavate e pizzi. Accenni di ruches, esotismo e trasparenze che sussultano alla vista dei disegni geometrici di alcuni outfit.
Bracciali con pietre incastonate, cinture in vita e pochettes in mano. Tacchi a spillo per ricordare l’eleganza persa.

I tessuti impalpabili, la camminata sbilenca delle modelle, e di colpo è finito tutto. E io sono stata catapultata fuori per inerzia dalla gente che pigiava per uscire. Come se, abituati alle fashion week, fossero obbligati ed annoiati alla vista di un altro catwalk. E io mi sento stupidamente contenta di aver assistito allo show di Paola Frani.

A breve il video dello show.

Silk and Scissors

Novità KIKO: scopri la nuova collezione ACTIVE COLOURS!

Avete presente quei colori pastello tanto dolci e sfumati? Da KIKO sono aboliti, quest’anno si osa e si gioca ad essere Sportivi: entrano in scena gli ACTIVE COLOURS!
Di pari passo con la tendenza di quest’anno, che vede capi e accessori Fluo e Metallizzati, le nuove nuances di KIKO si abbinano perfettamente per creare dei look sempre più esuberanti e, diciamocelo, anche un po’ futuristi.


Una collezione molto sporty, che mi fa immaginare le super atlete del nuoto sincronizzato scivolare sinuose nell’acqua, per poi risalire in superficie con le palpebre tinte di colori squillanti.
Le particolari textures, morbide e ultra-fondenti, facilitano l’applicazione e permettono una lunga tenuta, quasi da ‘prestazione agonistica’. Il make-up perfetto per chi non ha assolutamente voglia di rifarsi il trucco a metà giornata.
Ecco alcuni dei colori che troverete: rosa, fucsia, viola, verde, celeste, turchese, blu e ancora prugna, oro, bronzo.

Sei bionda e madre natura ti ha regalato le iridi verdi o castane? Prova con un rosa, da mixare con ciò che più ti sembra folle e divertente. Oppure con un arancio, della tonalità più intensa possibile: t’illuminerà come un faro nella notte.
Se sei mora, devi assolutamente giocare con il bronzo e l’oro. L’argento se lo aggiudicano le bionde, che con la carnagione chiara crea un mix perfetto.
A proposito di podio e di colori sportivi, KIKO offre anche una gamma di LipGloss in edizione limitata ispirati alle nazioni: Italia, Spagna, Francia, Germania, Portogallo e Regno Unito… Tutti da collezionare!

Il mio preferito? Sicuramente il Germany, che con un semplice tocco regala alle labbra un’idratazione color Rosa Nudo molto chic.

Andate a sperimentare i vostri colori e divertitevi!
www.facebook.com/KIKO.MAKEUP.MILANO