DANPOL private party

Oggi vi parlo di un aperitivo tra modaioli, della re-inaugurazione di una boutique storica di Torino, di cosa ci ha colpito, tra i capi del nuovo brand Macchia J. e la vodka servita pre-dinner.
IMG_5918
Leggi tutto

The Blondies Shooting

_MG_0735

Uno shooting dedicato alle clutch da me e dalla mia amica Stefania disegnate, abbinate alle tees di La Resistance e gli accessori della linea Schic by Serena Minetto.
Leggi tutto

The Look Of The Year Piemonte

staff

lo staff al completo

Un paio di mesi fa ho avuto l’opportunità di collaborare con il mio amico ed organizzatore di eventi Bruno Prestia, portavoce del casting di bellezza The Look Of the Year in Piemonte.
Vi ricordate di questo evento di moda? E’ da questa vetrina che sono usciti nomi come Cindy Crafword, Nina Moric e Linda Evangelista.
Il concorso, oltre ad essere dedicato alla caccia di nuove bellezze, si pone anche come passerella per lanciare nuovi fashion brand;
per l’edizione torinese il compito di cool hunting è stato affidato a me.
Ho deciso di vestire le modelle con gli abiti eleganti di Fabio Porliod e Davide Monaco: un pout-pourri di charme e sensualità!

Leggi tutto

Siamo povere e ci possiamo permettere solo le miniature: PORSCHEDESIGN event

IMG_4099-1

Quando ho letto l’invito per l’evento Porsche Design mi sono sentita stupidamente una figa, perchè in qualche modo speravo che si trattasse di auto. Poi quando ho capito che Porsche Design stava per occhiali, ho detto: ”Beh, meglio così, si fosse trattato di guidarne una mi sarei schiantata 2 secondi dopo aver acceso il motore”.
Leggi tutto

Storia di due snob fashion e annoiate

Impazzire per trovare una location al chiuso deserta. Non trovarla, fregarsene altamente, e iniziare lo shooting all’interno del Burger King di un centro commerciale, vestite da matte, contornate da bambini brufolosi incuriositi dal casino che stavamo facendo.
Io e Giulia (potete vedere il suo post qui) davanti la camera, Marta dietro l’obiettivo.
Ogni shooting una storia. Questa è la nostra.

Questa è la storia di due signorine annoiate, amanti della moda al punto di essere snob con chiunque non vesta come loro.
Una ricca collezione di cappelli e due look completamente diversi. La bionda odia passare inosservata e abolisce i toni scuri, cosa che la mora compensa.
Un veloce pranzo in un fast-food come fuga da una vita di ostenti, quasi raccapricciate dall’idea di dover sedere in mezzo alla gente comune.

2 3 7 10 11 12 13 14 16 18 20 21 23 25

Indossavo
Abito: Aqua
Cardigan: Northland
Cappello borchie: Zara
Collant: Zara
Collana fluo: H&M
bracciale-orologio: Nixon

Hipsters paparazzi @ Busters Coffee

Paparazzate sorseggiando caffè americano. Il sogno di tutte. Noi (e chi sennò) abbiamo provato ad entrare nella situazione del ‘vip da Busters Coffee‘ (ahimé lo Starbucks a Torino ancora non esiste), facendoci immortalare da Marta.

Ecco il risultato di una mattinata invernale da 15 gradi – wow – e un look più hipster del solito, addizionato a caffè lunghissimo (un orrore per le mie papille) e muffins come se piovessero.

Dietro un film di vetro ed una nuvola di chiacchiere con Giulia Napoli.

11

13 12 10  15   17 19 21 22 24 25 26 27 28  30 31  33  36 37 40 39 41 42

Il trio #facciadatriglia vi saluta, calorosamente. Non ci siamo photoshoppate le occhiaie, come avrete notato.

Indossavo:

Maglia e occhiali: vintage
Leggins: La Redoute
Colletto: regalo!
Cappello: Conte of Florence
Piumino: Rue de Paris
Guanti: Moschino
Borsa: direttamente da un mercatino marocchino!
Scarpe creepers: Pittarello
Calze borchiate: Alto Milano

2 1
_DSC0880

UNO SHOOTING CON GIULIA NAPOLI

 Giulia è in ritardo, come al solito. Questa ragazza è incredibile: si trascina dietro ogni genere di sfiga correlata alla sua macchina, quel giorno non ricordo se si fosse fermata o fosse senza benza, insomma un dolce disastro.
Lo shooting era volto a far risaltare il suo nuovo tatuaggio: “ENJOY THE SILENCE”. Sono una grande fan dei tatuaggi ed ho apprezzato soprattutto la ricerca dei font, per niente banale.

L’outfit semplice, il muro bianco, le braccia cariche in un arm candy in piena regola, sono stati gli elementi che hanno contribuito a far risaltare l’inchiostro. Si è rivelata essere malleabile alle mie richieste ed è stata brava e paziente, considerando anche la presenza di Beth – si è occupata di fare un po’di backstage compreso di animazione- che faceva assai la scema.

Potete vedere il resoconto da un altro punto di vista, seguendo: Giulia per One More Addiction.

Stay Tuned.

Marta.

  10 13 14 copia 15 16 17 copia copia 17 copia 18 19 20 21 22 23

A R M C A N D Y P A R T Y

Queste gallery contengono 36 foto.

Arm candy party: tutte le parole di questa festa fanno pensare a qualcosa che luccica, ad accessori come caramelle, usati in abbondanza. Quando penso al tag #armcandy, o #armparty come preferite chiamarlo, la mia mente spazia tra foto di Instagram … Leggi tutto 

3 r d S W A P A R T Y

E’ tutto pronto, i flaconi latte corpo Riso Venere di Bottega Verde, da brave maniache ossessivo-compulsive, li abbiamo allineati ben bene sul tavolo.
I buoni, la macchina fotografica, penna, block notes. C’è tutto.
Mancano le ragazze, ma non tarderanno. Infatti eccole lì, felici e fameliche di nuovi vestiti.
Una dopo l’altra sistemano i loro capi sulle grucce, e attendono solo un nostro -VIA- per iniziare a depredare: d’altronde la descrizione più ovvia di questo cambiamento di organizzazione è stata: Siete da Zara il primo giorno dei saldi.

Ecco il VIA, si crea un po’ di baraonda tanto che non mi sarei stupita alla vista del sangue. Però con un po’ di auto regolamentazione e buon senso tutto è andato per il meglio.

Consegna i buoni, conta i vestiti, prendine uno in più, uno in meno, aspetta l’aperitivo, vai a bere. Questa è stata la prassi. Tra un cocktail e l’altro, io e Beth sempre più brille, abbiam convenuto che vista l’affluenza di ragazze è stata necessaria un’organizzazione di questo tipo, un po’ più da shopping in negozio e meno da chiacchiere e pettegolezzi. Una cosa è certa, ritorneremo al metodo già adottato in precedenza: per conoscerci di più e per allargare la cerchia bisogna dialogare tête-à-tête.

5_DSC0042379116161284

Un ringraziamento speciale a Giulia Napoli di
OneMoreAddictionInMyWorld che ha scritto un post ad hoc per questo Swap

Erano presenti all’evento anche le Blogger:
Marta Cesaretti di ToCool,
Elisa Raimondo di The Fashion Scan,
Eleonora Gavino di Chimicamentefashion,
Francesca Litrico di 2BeFab,
Giulia Pennaroli di Torino Style